fbpx

IL SUCCO DI FICO D’INDIA AIUTA L’ATTIVITA’ SPORTIVA?

Tempo di lettura: 4 minuti

Ero scettico quando ho letto il titolo dello studio scientifico. Il succo di fico d’india può aiutare la forza esplosiva? Se non ci fosse stato un contributo serio dietro a quest’affermazione non mi sarei soffermato.

Avrei pensato si trattasse una dei quelle notizie che parlano di prodotti miracolosi e che, alla fine, ti vogliono vendere qualcosa. Ma non è questo il casoForse non lo sai ma esistono in ognuno di noi i ritmi circadiani che definiscono il nostro orologio biologico tarato sulle 24 ore.

Cosa sono i ritmi circadiani: definizione

Rappresentano un meccanismo naturale, che hanno tutti gli essere viventi, e che permette di adattarci alle diverse fasi della nostra giornata. Regolando la fisiologia e i livelli ormonali, le fasi del sonno, il metabolismo e la temperatura corporea.

Quando si concretizza un disallineamento tra l’ambiente esterno e il ritmo interno proviamo una sensazione di malessere. Un esempio concreto può essere quella che provi dopo un lungo viaggio, durante il quale sei costretto ad attraversare diversi fusi orari.

Per approfondire: trigliceridi e colesterolo, gli allenamenti per stare meglio

Collegamento con il succo di Fico d’India?

Molti allenatori sanno, o per lo meno dovrebbero sapere, che gli effetti del ciclo circadiano e del momento della giornata influenzano la qualità degli allenamenti. Non rendi sempre allo stesso modo, questo è un dato.

fico d'india sport
Non subire l’allenamento.

Per esempio gli esercizi di breve durata, e quindi che fanno ricorso al metabolismo anaerobico, sono eseguiti con una maggiore qualità durante le ore del pomeriggio. E con scarsa efficacia al mattino.

Diverse ricerche stanno studiando gli aiuti e i metodi che possano impedire il calo di prestazioni al mattino per quanto riguarda gli sport anaerobici. L’esecuzione di esercizi massimali di breve durata aumenta la produzione dei ROS (specie reattive dell’ossigeno), sostanzialmente si tratta dei radicali liberi a larga diffusione.

Gli esercizi massimali come sprint e salti, anche intermittenti della durata di 30 secondi per serie, aumentano i parametri di danno muscolare e stress ossidativo. Pertanto una riduzione dello stato antiossidante, cioè degli anti-radicali liberi, comporta inevitabilmente un calo della performance sportiva.

Leggi anche: Come cucinare le verdure in modo sano

Prodotti per le performance sportive

L’assunzione di flavonoidi, sostanze presenti in diversi frutti e ortaggi, migliorano la prestazione sportiva e riducono il rischio di malattie cardiovascolari e tumori. Uno di questi frutti, è l’Opuntia ficus-indica. Un prezioso alleato per la nostra salute perché è un forte antiossidante e antiradicale.

Dal punto di vista strettamente sportivo, è stato dimostrato che l’assunzione cronica di Opuntia-ficus Indica aiuta a risintetizzare le scorte di glicogeno muscolare post esercizio. Qualche dettaglio in più su questo tema?

Efficacia del Fico d’India per lo sport

Lo studio scientifico ha indagato gli effetti dell’integrazione di succo di Opuntia ficus-indica sulla frequenza cardiaca, sul salto verticale (test di Sargeant), sullo sprint sui 10 metri. Hanno partecipato 22 studenti di educazione fisica divisi in 2 gruppi casualmente, uno sperimentale e uno di controllo.

Entrambi i gruppi avevano lo stesso cronotipo, ritmo sonno – veglia, e consumavano i pasti principali più o meno allo stesso orario. Il gruppo sperimentale ha assunto per 2 settimane 150 ml al giorno di succo di Ficus-indica.

Efficacia del succo di Fico d'India
Pronti per un bel succo dedicato a chi fa sport.

Per analizzare il potere antiossidante determinato dal succo è stato utilizzato il test dell’attività antiossidante DPPH. A questo punto sono stati rilevati il peso e la composizione corporea di ogni partecipante al test (sia di controllo che sperimentale)

I due gruppi di studenti hanno pertanto eseguito i test fisici di salto verticale, di sprint, test di wingate ( sprint di 30 secondi massimali su cicloergometro ) e rilevato i battiti a riposo. Successivamente per 15 giorni sono stati inviati a non assumere integratori e a mantenere una scheda alimentare. Risultati?

Attività antiradicale

gli estratti di succo di Oputia ficus-indica, hanno inibito il DPPH di circa il 10,3% in 30 minuti di incubazione e quindi hanno effettivamente confermato il loro potere antiradicale.

Più in alto

I valori relativi al salto verticale rilevati dopo l’assunzione dell’integratore sono stati significativamente più elevati rispetto a quelli registrati prima dell’assunzione.

Più veloci

Miglioramenti nella stessa direzione sono stati rilevati per lo sprint dei 10 metri. Non sono stati rilevati miglioramenti dei battiti cardiaci durante il test di Wingate.

Da leggere: Tratto da una storia vera: i salti in basso che non ti aspetti.

Succo di Fico d’India: conclusioni e fonti

Mi sembra scontato che gli atleti, allenatori e staff medico considerino seriamente gli effetti positivi dell’Opuntia ficus indica sul danno muscolare causato dall’esercizio fisico grazie agli antiossidanti e ai fitochimici presenti in questo frutto. Inutile dirvi che ne ho preso una scorta per i miei allenamenti di atletica.

Per approfondire e trovare i riferimenti di questo articolo: the effect of two weeks Opuntia ficus- indica juise supplementation on heart rate and anaerobic performance” – MED SPORT 2017.



Scarica l' e-book gratuito “L’Alimentazione dello Sportivo”

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre informato sui nuovi articoli, video didattici, piani alimentari pubblicati sul nostro blog!





Leggi l'informativa sulla privacy

Lascia un comento